Vetro grigio e lamiera rossa

Ma voi ve le ricordate le cabine telefoniche?

I più giovani non sapranno nemmeno di cosa sto parlando.

Sta mattina ho visto degli operai che stavano smontando quella all’angolo della piazza, proprio quella che ho usato una volta io, l’unica. Era subito dopo una cena di classe, penso facessi le elementari: la pizzeria era davanti a quel parallelepipedo rosso e grigio marchiato Sip e, per concludere al meglio la serata, abbiamo pensato di fare uno scherzo ad alcuni genitori; scherzo che consistenva semplicemente in un avviso telefonico che informava che il figlio aveva rotto un gran numero di bicchieri. Al tempo mi sembrava la cosa più furba e simpatica del mondo, ora me ne vergogno un po’.

L’amore ai tempi delle cabine era scandito dal tintinnio dei gettoni.

E collezionavo le schede telefoniche! Ne avevo ereditate alcune decine da una cugina, ormai troppo grande per trovare il divertimento in quella raccolta. Erano belle e colorate e scambiavo i doppioni con gli amici, come con le figurine dei Pokemon.

Era un altro tempo, che esiste solo più in qualche ricordo.

Non credo fosse un tempo migliore, era solo un altro tempo.

Annunci

20 pensieri riguardo “Vetro grigio e lamiera rossa

  1. Secondo me invece erano proprio tempi migliori! Nessuno di noi si dissociava dagli amici e dalla famiglia per fare selfie e stare appiccicato al telefonino con estranei. Quando vedo certi ragazzi,ma anche adulti,a cena fuori guardare più uno schermo che chi hanno accanto mi viene da vomitare!

    Piace a 1 persona

  2. Sempre state antipatiche.
    Sporche,imbrattate di vernice,in pasto a qualsiasi persona,la cornetta che il piu’ delle volte stava a penzoloni. Entravi,e c’era sempre qualche cosa che non funzionava bene. Strette da non potersi muoversi. Veicolo per pisciatine di cani. Naaaaaah!
    Bye! 🙂

    Piace a 1 persona

  3. Giusto, un altro tempo.
    Le ricordo anche io con piacere, come con piacere i ricordi ad essa annessi. Ne collezionavo tante, da 5000-10000 e addirittura qualche raro pezzo da 50mila che usavamo in famiglia quando andavamo in vacanza per un mese. Era un tempo meno veloce, meno intenso forse. Era meglio un mese da bisonte riposato che una settimana da leoni. Meglio una telefonata di 10 minuti che un whatsapp lungo ore. Erano i tempi della calma, erano i tempi in cui sapevamo aspettare.

    Piace a 1 persona

  4. Me ne ricordo una, di cabina telefonica… era vicino al cinema.. ricordo che chiamai mia mamma per farmi venire a prendere dopo il film.. avevo un bel vestitino aderente a quadri bianchi e arancioni, e in quel momento passò in macchina il prof per cui avevo una cotta facendomi un cenno con la mano… quando, anni dopo, l’hanno smontata è stato come se mi depredassero di un po’ del mio dolce ricordo…

    Piace a 1 persona

  5. le cabine rosse erano spesso l’unico mezzo per parlare con la ragazza o il ragazzo, consumando gettoni e schede telefoniche.
    Poi venne il tempo che tutti il telefono l’avevano in casa e infine i telefonini.
    Altri tempi. Più belli o più brutti? Dipende dai ricordi

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...