Ma che bella bambina!

Qualche mese fa sono andata al mercato con Leone.

Lui era seduto sul suo passeggino che si guardava intorno attratto dai colori e dai rumori. Aveva ancora i capelli che gli arrivavano alla base del collo, pieni di boccoli biondi.

Mentre guardavo la vetrina di una profumeria, un signore si avvicina; sulla sessantina, con una camicia a quadri ed un paio di jeans che hanno visto tempi migliori. Saluta Leone, che ricambia muovendo la manina, dicendogli: – Ma che bella bambina vestita da bambino!-

Sorridendogli gentilmente, seppur sorpresa dalla sua affermazione, gli spiego che è vestito da maschietto perchè è un maschietto, con i capelli lunghi.

-Perchè?- mi chiede.

Gli rispondo che a me piacciono così.

Lui scuote la testa e se ne va borbottando qualcosa di incomprensibile.

E io rimango lì, con una mano sul passeggino e una che accarezza la testa di Leone, incapace di rispondere al volo.

Ho continuato la passeggiata pensando che, forse, avrei potuto fargli tagliare i capelli prima che diventassero così lunghi, avrei potuto renderlo diverso da quello che è.

Succede così anche agli adulti: aspiranti truccatori si trasformano in ingegneri, ballerini in elettricisti.

Ho guardato Leone che, con il venticello di inizio estate che gli scompigliava i capelli, sorrideva a quella carezza inaspettata. E, ancora una volta, mi ha insegnato ad allontanarmi dai preconcetti ed apprezzare quello che mi rende felice.

 

Annunci

25 pensieri riguardo “Ma che bella bambina!

  1. Mio figlio li ha sempre portati lunghi fin da piccolissimo:adesso gli arrivano sotto le spalle. A scuola,dove tutti si riempiono la bocca con uguaglianze ecc, gli hanno sempre rotto i coglioni,maestre in primis. Ma lui,che ha il carattere della mamma,se ne frega e si tiene fieramente la sua lunga chioma bionda e se qualche invidioso gli dice qualcosa lui risponde che ha sangue vichingo e di farsi gli affari propri

    Piace a 1 persona

  2. C’è sempre questo vizio, a prescindere. È un problema di educazione di fondo, di lapalissiana mancanza del principio del rispetto. Innanzitutto delle scelte.
    per quanto mi riguarda, gli hai dato fin troppa importanza a questa storia.
    Ovviamente con abile letteratura… 😉

    Piace a 1 persona

      1. In realtà la sottolineatura “vestita da bambino” era per poter criticare se fosse effettivamente stata una bambina: quello che in guerra si chiama attacco a tenaglia, se sfuggi da una parte ti si stritola dall’altra.

        Piace a 3 people

      2. Sarà…ma ci vedo una sorta di freccia. Bambina vestita da bambino, boh non so.
        Fatto sta che un pacco di cazzi propri evidentemente è aumentato dal tabaccaio.

        A me danno molto fastidio ste cose, forse s’era capito…

        Piace a 2 people

  3. Ma figurati, se vuoi dar retta a tutte le fisime delle persone non vivi più! Sono così belli i boccoli ai bambini e non importa se maschio o femmina, fai quello che senti e che ti piace e fregatene di quello che dicono gli altri! 😉

    Piace a 1 persona

    1. Ma sai, per fortuna ho imparato ad essere abbastanza immune alle critiche degli altri, a maggior ragione se infondate. Infatti la frecciata in sé mi è scivolata abbastanza addosso… La cosa che mi ha dato fastidio è che chi dice queste cose non pensa mai all’impatto che possono avere sulle persone

      Piace a 1 persona

      1. Perché per loro certi stereotipi sono innati e sembrano ovvio… A noi succede coi giochi… La stessa nonna una volta che lui le mostrò la bambola di Masha disse :Che ci fai? Sei maschio…

        Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...